CAPITOLO 40: Eco da Altri Mondi

40

Il fuoco danzava sopra la sabbia. Era di origine magica, perché tra le dune sabbiose del deserto non esisteva niente che si potesse bruciare.
In realtà erano due fuochi paralleli, due fenomeni connessi che diventavano la porta di congiunzione tra due mondi distanti milioni di anni luce.
«Stai ancora pensando a quel sogno?»
«Non posso evitarlo.»
«Neanche io.»
Le voci dell’uomo e della donna sembravano avere un eco, leggera e distante.
Ma nella piatta e desolata dispersione di quel luogo nessun rumore e nessun suono poteva permettersi di ritornare indietro.
«Lo senti anche te questo strano eco?»
«Siamo vicini a Utopia»
«La città abbandonata?»
«La città dove finiscono le storie…»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: