CAPITOLO 33: Il Sogno di Divina

33

L’uomo fuoriuscì dall’acqua movendo con sicurezza verso la spiaggia. Era nudo e possente, i lunghi capelli di alghe, le mani palmate, la pelle squamosa.
Si avvicinò alla ragazzina che giocava con i castelli di sabbia e le conchiglie. Lei non aveva mai visto un uomo nudo, un uomo così strano, un uomo con occhi profondi come il mare.
Provò a parlare, a muoversi, ma fu rapita da un incantesimo antico e non poté fare altro che assecondare il volere di quella creatura del mare.
Lui ne colse il fiore più intimo, e lo portò con se negli abissi.
Divina rimase accasciata sulla sabbia sporca di sangue, abbandonata ad un pianto silenzioso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: