CAPITOLO 11: Damian

11

Quella notte i sogni di un’altra persona vennero violentati dalla creatura che alcuni conoscevano con il nome di Niko. L’invito non era una caduta, ma una scalata.
Damian vide una luce risplendere dall’entrata di una grotta sopra la montagna. Era una luce cremisi che pulsava.
Portò ogni suo muscolo allo stremo delle possibilità per raggiungere la soglia di quell’antro. Ciò che vide oltre la luce non lo turbò più di tanto.
La testa di quella cosa ricordava quella di un serpente, e il corpo era gibboso e irregolare, dotato di numerosi tentacoli impregnati di una vischiosità scura.
Il giovane volto di Damian, incorniciato da una matassa di riccioli dorati, pendeva dalle labbra di quella assurda creatura.
«Portami il cuore e il fegato di Mirror» sibilò la serpe demoniaca.
«Certo Niko, poi tu mi farai Signore» rispose la voce cristallina dell’uomo.
«Come promesso. Come promesso!»
Damian aprì gli occhi con un sorriso, e si rotolò nelle sue sete viola accarezzando i fianchi delle sue concubine. Avrebbe preteso altro sesso prima di iniziare la sua cerca, ma questa volta non sarebbe stato così dolce con loro.
Da sotto il cuscino estrasse la sua lama Uja, e chinandosi delicatamente sulla bionda che gli dormiva accanto, si deliziò per un attimo di quel sensuale movimento di quel petto prosperoso, ancora un momento prima che la derubasse di quel respiro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: